mercoledì 22 febbraio 2017

Pagnotta con farine miste con pasta madre

Questo pane è nato dall'impellente bisogno di consumare varie farine già aperte, naturalmente poi ne ho comprate di nuove. Ho usato il lievito madre , ma potete usare anche il lievito di birra direi che vi basteranno 10 grammi, meno ne mettete , più il pane sarà buono, però dovrete aspettare di più per la lievitazione.
Come potete vedere il colore non è bianco perchè ho usato una piccola percentuale di farina di segale.
Ingredienti 
per una pagnotta
gr.150 pasta madre o gr.10 lievito di birra
totale gr.450 farine miste:
gr.50 farina di segale
gr.50 farina di semola rimacinata
gr.100 farina di tipo 1 biologica
gr.100 farina di kamut
gr.50 farina di farro
gr. 100 farina manitoba
ml.280 acqua a temp. ambiente
ml.20 olio evo 
1 cucchiaino malto
gr.10 sale 

Procedimento

 Sciogliere il lievito madre o di birra con l'acqua e aggiungere i vari ingredienti lasciando per ultimo il sale. Incordare . Mettere l'impasto nella spianatoia infarinata e date le pieghe a tre per 3 volte lasciando riposare dopo ogni piega per mezzora.Finito il giro di pieghe pirlare l'impasto e fatelo riposare coperto per 1 e 1/2 .
 A questo punto mettiamolo sopra un tovagliolo infarinato con farina di semola. Sotto e sopra.
 Chiudere con i lembi del tovagliolo.
 Mettetelo in un sacchetto di nylon e mettetelo a riposare in frigorifero per almeno 2 ore.
Rovesciate l'impasto  sulla spianatoia e fare di nuovo il giro pieghe da 3 per 3 volte facendo riposare ogni giro piega per 30 minuti. Fate la pirlatura e serrate molto bene l'impasto. Fate lievitare in forno spento con la luce accesa fino al raddoppio. Accendete il forno a 200 gradi. Tagliate il pane con una lametta e infornate. Ci vorranno circa 30 minuti, guardate voi la cottura dipende molto dal forno.
 Fate raffreddare sopra una grata per levare l'umidità.

Buon appetito
alla prossima ricetta
Antonella

martedì 21 febbraio 2017

Ravioli al branzino con sugo di cicale di mare

Questo piatto l'ho preparato per una cenetta al lume di candela con mio marito per San Valentino. Devo dire un piatto delicato e buonissimo. Il sugo che sarebbe Boreto de canocce alla graisana (Brodetto di cicale di mare alla gradese) un piatto tipico della mia Isola :Grado.
I ravioli si prestano ad essere accompagnati anche da un sughetto più delicato, pomodorini freschi , oppure direi un sughetto con code di gamberi e zucchine, devo provare e poi mettrò il link della ricetta. Questa ricetta l'ho fatta in due steps , prima ho fatto i ravioli e li ho congelati, alcuni giorni   dopo ho fatto il sugo e li abbiamo mangiati. Ne ho ancora due porzioni in freezer , alla prima occasione ce li mangiamo.
Ingredienti 
per la pasta fresca
circa 50 ravioli
gr.200 farina 0
2 uova intere
1 pizzico di sale
per il ripieno
2 branzini da porzione
2 spicchi aglio
olio evo
2 cucchiai rasi di pan grattato
1/4 di bicchiere di vino bianco secco
sale e pepe
per il sugo di cicale di mare
kg.1 cicale di mare (canoce)
olio evo 
2 spicchi aglio 
2 cucchiai pan grattato
1 bicchiere di acqua bollente
sale e pepe

Procedimento
Iniziamo con l'impastare la pasta , formate una palla e tenetela a campana per un'ora sotto alla terrina.
Io tiro la pasta con la macchinetta, non sono così brava di tirarla fine con il mattarello. Metteteci un po' di impasto distanziandol di circa 5 cm.
 piegare a metà la pasta ricoprendo il ripieno , io bagno leggermenti gli orli con un goccio di acqua, premo bene con le dita e taglio con la rotellina.
Mettete i ravioli su un canovaccio a riposare e poi metteteli in un vassoietto in freezer , quando sono freddi metteteli in un sacchetto di nylon e rimetteteli in freezer e continuate così fino a quando avrete congelato tutti i ravioli. Al momento della cottura , fate bollire l'acqua, salatela e versate i ravioli congelati , abbassate la fiamma e ricoprite con il coperchio, così durante la cottura(4/5 minuti) no si rompono.
Il ripieno
Se non lo sapete fare , fatevi sfilettare i branzini dal vostro pescivendolo di fiducia.
In una padella mettete un pò di olio evo con gli spicchi d'aglio e fateli rosolare fino a quando avranno un colore bronzato. Buttate i filetti di branzino e rosolatelo ,mescolando a fiamma molto vivace,
Aggiungete il pan grattato e fatelo colorare a fiamma alta, poi bagnate con il vino bianco e fate evaporare. Salate e pepate e asciugate bene il ripieno. Fatelo raffreddare prima di usarlo com ripieno.

Il sugo dei ravioli
 Qui troverete il procedimento del boreto de canoce, da come si puliscono e come si cucinano
Quando il sugo si sarà raffreddato levate la polpa delle cicale di mare e mettetela nel sugo.
Assaggiate di sale e pepe.
Tenete il sugo in caldo , lessate i ravioli e quando sono pronti con la schiumarola tirateli fuori dall'acqua , come si fa con gli gnocchi, e saltateli nella padella con il sugo  a fuoco vivace per un minuto .
Mi auguro che vi siano piaciuti , come sono piaciuti a me e alla mia famiglia. Certo pensate che sia un lavoraccio , ma se come me dividete il lavoro in diversi giorni vedrete che non vi stancherete.
Buon appetito
Antonella

domenica 19 febbraio 2017

Code di gamberi all'arancia

Un gustosissimo antipasto di pesce, facilissimo da fare e molto veloce. Se pulite le code di gambero in anticipo potete cucinare il resto al momento di servire, ci vogliono pochissimi minuti. Vi consiglio di farlo al momento.
Ingredienti
per 2 persone
10 code di gambero
il succo di mezza arancia 
1/4 di bicchiere di vino bianco secco
1/2 cucchiaio di farina 00
1 noce di burro
2 spicchi di aglio
sale pepe

Procedimento
 Pulite le code di gambero togliendo il guscio lasciando la codina e levate quel filo nero che hanno nel dorso. Tenere da parte.
 In una padella fate insaporire il burro con l'aglio fino a quando l'aglio inizia a prendere colore
 Buttate le code di gambero , sempre a fuoco vivace e fate dorare da tutte e due le parti per qualche minuto.
Bagnate con il vino bianco, fate evaporare e aggiungete il succo d'arancia. Salate e pepate. Togliere le code di gambero e tenerle al caldo.
 Con un passino aggiungete la farina e mescolando bene si addenserà subito.

 Impiattare , consiglio il piatto tenuto in caldo , Come base aggiungete la buccia di arancia grattuggiata, adagiatevi le code di gambero e ricoprite con il sughetto.
Buon appetito
Antonella

sabato 18 febbraio 2017

Panini per hamburgher

Questi sono i panini per fare i burger bun , avevo già pubblicato la ricetta con il lievito madre, questa invece è con il lievito di birra. Naturalmente questa ricetta avrà i tempi meno lunghi di lievitazione.
Ingredienti
gr.500 farina manitoba
ml.250 latte tiepido
gr.50 burro ammorbidito
gr.20 zucchero
gr.12,5 lievito di birra
1 cucchiaino malto o miele
gr.10 sale
per pennelare
1 tuorlo 
1 cucchiaio di latte 
semi di sesamo

Procedimento
 Sciogliere il lievito di birra con il lievito.
 Aggiungere il burro morbido all'impasto. Impastate tutti gli ingredienti.
 Formare una palla e mettetela a lievitare in forno spento con la luce accesa.
 Quando sarà lievitata mettetela sulla spianatoia-
Pesatela
e tagliate pezzi da gr. 80 circa, io preferisco pezzi da gr.120 per gli hamburger.
Pirlateli
E fateli lievitare fino al raddoppio.
Accendete il forno a 200 gradi .
Spennellateli con il tuorlo sbattuto e ricoprire con semi di sesamo
infornateli per 15 minuti, fateli raffreddare e farciteli come desiderate. Per la conservazione io opto per il freezer , quando vi servono scongelateli e torneranno come freschi.
Alla prossima ricetta
Antonella

mercoledì 8 febbraio 2017

Pane di semola al 100 %con lievito di birra

 Ho fatto questo pane per poter fare i panini caldi e le bruschette, si presta molto, perchè un pane di tipo comune e rustico.Questo l'ho preparato con il lievito di birra, perciò una ricetta accessibile a tutti , anche quelle persone che non hanno la pasta madre.
Questo è il panino che mi ha preparato mio marito con il mio pane di semola.
Ingredienti 
per una pagnotta
Gr.600 farina di semola rimacinata
ml.400 acqua 
gr.12 lievito di birra
1 cucchiaino di miele
gr.15 sale

Procedimento
 Fate l' autolisi, inizialmente si impastano solo farina e acqua; durante il riposo, la farina si idrata completamente e il glutine si sviluppa, incoraggiato dall'assenza del lievito compresso (che comincerebbe a far fermentare e inacidire la pasta), del sale (che causa l'irrigidimento del glutine impedendone lo sviluppo e l'idratazione), dei pre-fermenti o biga (che, anch'essi, inacidiscono la pasta). in definitiva, il pane risulta con la crosta di un bel colore, con più aroma e un buon sapore dolce di farina.
alla fine dell'autolisi la pasta da ruvida sarà diventata liscia e molto più elastica. 
a questo punto sale, lievito compresso e biga vengono aggiunti insieme con eventuali altri ingredienti e si continua con la mescolatura.
anche se sembra strano aggiungere il sale a una pasta completamente lavorata, esso si scioglierà velocemente.

Percio' lasciate l'acqua e la farina mescolate insieme a riposo per un'ora.
Impastate tutti gli ingredienti e incordare.
 Formate una palla.
 Mettetela a lievitare in forno spento con le luci accese, fino al raddoppio.
 Rimpastate e formate una palla mettetela a lievitare in un cestino cosparso di farina di semola.
 Mettete dentro il cestino con la parte inferiore sopra.

 Aspettate fino al raddoppio circa 2 ore.
 Capovolgete il cestino sopra a un foglio di carta forno.
 Fate dei tagli con la lametta. Infornare a 220 gradi , in forno preriscaldato per 30/40 minuti.

 Fatelo raffreddare .

 Tagliate a fette .

Io lo conservo tagliato a fette in un sacchetto di nylon in freezer.
Alla prossima ricetta
Antonella
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...